Da dove nasce l'idea di unire questi due mondi?
Il desiderio di integrare l'olismo alla propria attività è sempre stato vivo in Antonio Manunta, che nel corso degli anni, ha ideato delle metodiche multidisciplinari, tramite le quali la figlia Patrizia ha arricchito il proprio bagaglio tecnico, fino alla decisione, a metà del 2016, di dar vita ad un centro estetico basato su questo vero e proprio stile di vita: C.O.M.E., appunto.
Ma cos'è la “visione olistica”?
Gli inestetismi sono causati da molteplici fattori: ambiente, società, stili di vita, alimentazione, che alterano le funzionalità dei tessuti.
L'olismo, dal greco olos, ricerca il benessere dell'individuo nella sua globalità, prendendo in considerazione i fattori sopracitati, invece di concentrarsi solo sul sintomo, puntando al riequilibrio generale.
Come si ottiene questo benessere?
Tra le metodiche olistiche più antiche e conosciute, ricordiamo quella ayurvedica e quella tradizionale cinese, alle quali si affiancano discipline quali reiki, che, tramite la rimozione di blocchi energetici, spesso di tipo emozionale, consentono il ritorno al normale stato di benessere e all'equilibrio psicofisico naturale.